Blog

Tortellini di Valeggio

Tags: Tortellini di Valeggio, pasta ripiena, cucina veneta

La ricetta (e qualcosa in più)

I Tortellini di Valeggio sono una pasta ripiena tipica della tradizione veneta, meno nazionalpopolare dei classici tortellini emiliani ma altrettanto buona. Intanto nascono a Valeggio sul Mincio in Provincia di Verona e in dialetto vengono chiamati “agnolin”. Sono uno di quei piatti, un po’ come i classici tortellini in effetti, che non possono mancare sulle tavolate delle feste di un buon valeggiano, o veneto in generale.

E come ogni ricetta tradizionale che si rispetti anche i tortellini di Valeggio hanno una leggenda legata alla loro origine. Il maestro orafo Alberto Zucchetta racconta che, alla fine del ‘300, due innamorati, la ninfa Silvia e il capitano Malco, lasciarono sulle rive del fiume Mincio un drappo di seta gialla annodato come pegno del loro grande amore. La forma del Tortellino di Valeggio sembrerebbe derivare proprio da quel drappo, tanto da essere spesso soprannominato “Nodo d’amore”.

Oggi esistono moltissime varianti dei Tortellini di Valeggio: c’è chi li fa vegetariani e chi con carni bianche anche se la tradizione li vuole ripieni di carne di manzo, maiale, vitello e durelli di pollo.

Se avete voglia di cimentarvi con la preparazione dei Nodi d’amore vi lasciamo la nostra ricetta qui.

 

RICETTA FACILE X4 AMICI

COSA SERVE – INGREDIENTI

  • 1/2 kg farina 00
  • 6 uova
  • 1 tuorlo
  • 150 g stracotto di manzo
  • 50 g maiale
  • 50 g polpa di vitello
  • 25 g durelli di pollo
  • sale qb
  • 25 g salvia 
  • noce moscata
  • 120 g burro
  • 60 g Parmigiano

 

PROCEDIMENTO - COME SI FA 

  • Cuocere a fuoco lento nel burro il manzo, il maiale e il vitello 
  • Cuocere i fegatini separatamente con battuto di cipolla, carote, sedano e un mazzetto di erbe aromatiche, irrorandole di vino bianco 
  • Macinare il tutto
  • Lasciar raffreddare
  • Aggiungere un uovo sbattuto e un pizzico di noce moscata per mantecare 
  • Impastare farina e cinque uova fino ad ottenere un impasto omogeneo
  • Stendere l'impasto in una sfoglia sottilissima 
  • Tagliare la sfoglia a quadretti
  • Sistemare un cucchiaio di ripieno di carne al centro di ogni quadretto
  • Richiudere i quadretti dando loro la caratteristica forma del tortellino, prima piegandoli a metà e poi unendo i lembi opposti
  • Lasciar asciugare all’aria
  • Intanto far sciogliere il burro in un pentolino a fuoco basso
  • Aggiungere la salvia e lasciarla in infusione per 15 minuti. Poi eliminarla. 
  • Cuocere in brodo o acqua bollente per 2-3 minuti
  • Scolare conservando un po' di acqua di cottura 

TERMINARE E IMPIATTARE

  • Aggiungere il burro e le foglie di salvia  e unire acqua di cottura un po' alla volta
  • A fuoco spento mantecare fino ad ottenere una crema omogenea e gustosa 
  • Impiattare aggiungendo del parmigiano reggiano e salvia per decorazione  

In caso voleste per le vostre feste un piatto un po' diverso ma sempre tradizionale ora sapete come prepararlo. 

Buon appetito.