Blog

miscusi ha un nuovo menù: stagionale e pieno di novità

Tags: nuovo menù, pasta fresca, sostenibilità, farine, stagionalità

L’arrivo dell’autunno significa un nuovo menù in casa miscusi, con la pasta fresca di sempre ma un bel po’ di novità in più tra farine speciali e ingredienti stagionali.

Il nostro Menù autunno-inverno

Prima di raccontarvi le bontà del nuovo menù, teniamo a farvi una premessa.

Da sempre lavoriamo prestando la massima cura verso l'ambiente e le persone. Per esempio, non utilizziamo bottigliette di plastica ma caraffe e fontanelle, arrediamo i nostri ristoranti con pezzi da rigattiere, utilizziamo confezioni per il delivery 100% riciclabili e abbiamo creato una Farm che diventerà un centro di ricerca e sviluppo sui temi dell’agricoltura e della produzione sostenibile.
Per queste e altre scelte, oggi miscusi è una Società Benefit riconosciuta per il proprio impegno nel massimizzare l’impatto positivo verso i dipendenti, la comunità, l’ambiente e tutti i collaboratori.

Il nuovo menù si inserisce proprio in questa volontà di contribuire a un mondo e a un futuro migliori, valorizzando la biodiversità e rispettando l'ambiente.
Per farlo abbiamo scelto di partire da ingredienti stagionali, per seguire i tempi della natura e preparare ricette che arrivino dalla terra e non forzare il suo equilibrio. Per questo ogni quattro mesi ci sarà un menù nuovo, con tante novità fresche di orto. Per esempio: la caponata autunnale è preparata con la zucca al posto della melanzana estiva e la crema di broccoli sostituisce quella di rucola tipica dei mesi caldi.

In tutte le stagioni, le nostre materie prime arrivano e arriveranno da contadini e artigiani di fiducia, che abbiamo scelto personalmente viaggiando su e giù per l’Italia. Tutti loro garantiscono prodotti nati dalla cura verso la terra e le persone.

Il risultato è un menù composto dai nostri piatti consigliati e da tutti gli ingredienti che servono per chi voglia sbizzarrirsi a creare la propria composizione personalizzata.

 

I nostri piatti consigliati

Partiamo dai nostri piatti consigliati che con quelli si va sul sicuro. Sono sei, pensati per essere buoni, belli e bilanciati. Tutte le combinazioni, infatti, si basano sulla piramide della Dieta Mediterranea. Chi ci conosce sa che i valori mediterranei sono i valori fondanti di miscusi: uno stile di vita sano, sostenibile, basato su ingredienti semplici e autentici, sulla condivisione, sull’ascolto e sull’incontro con gli altri. In questo senso, le ricette che abbiamo creato per voi sono fatte per darvi il giusto apporto nutrizionale ma anche la soddisfazione di mangiare un piatto di pasta dove tutti i sapori si combinano in modo perfetto.

  1. Il Pacchero Tricolore: ormai lo conoscete benissimo, non serve aggiungere altro

     
  2. Le Trofie Golose: anche loro grande classico delle nostre tavolate, direttamente dal Golfo Paradiso

  3. Gli Spaghetti Mediterranei: tra i vostri preferiti di sempre, lo sapete? Quindi restano con noi

  4. I Fusilloni cosmici: grande news, con una farina speciale di cui vi raccontiamo meglio tra qualche riga

  5. I Rigatoni tonno e pistacchi: il massimo della Dieta Mediterranea

  6. Le Mezze Maniche di stagione: che cambieranno un po' in base ai ritmi della terra
  7.  

Le farine speciali

Tra le novità del menù autunno-inverno, quella più mediterranea e curiosa sono le farine speciali. Oltre alla tradizionale semola di grano duro, a cui siamo tutti affezonati, ci sono quella di ceci, di sorgo e di lenticchie rosse, e anche una semola di grani antichi.

 

  • La farina di ceci: i nostri ceci nascono in Maremma da agricoltura biologica. Oggi i ceci sono il terzo legume più utilizzato al mondo: basta pensare all’hummus per assaporare col pensiero sapori lontani (Ps: nel nuovo menù trovate anche lui). Noi li abbiamo scelti perché ottimi per preparare la pasta fresca e poi perché ricchi di proteine che li rendono uno degli alimenti più dietetici ed energetici in assoluto. In più sono pieni di vitamine e fibre, utili per controllare i livelli di glicemia e colesterolo.
    Per preparare i nostri rigatoni mescoliamo la farina di ceci alla semola di grano duro, per avere il giusto bilanciamento nutrizionale e per mantenere la consistenza della pasta a cui siamo abitutati e che tanto ci piace.
  • La farina di sorgo: il sorgo è un cereale alternativo al grano duro. È molto digeribile, ha un basso contenuto calorico (ottimo per i diabetici, tra l’altro), un gusto intenso e rotondo e un colore che lo fa sembrare quasi integrale. Il sorgo, poi, in natura è privo di glutine e, per questo, i nostri fusilloni di sorgo sono perfetti per gli intolleranti. Non avendo però bollitori separati non sono adatti ai celiaci.

  • La farina di lenticchie rosse: che rende colorate le nostre tavolate (e anche ricche e fortunate: vi vediamo che le mangiate a Capodanno nella speranza di sbarcare il lunario!) Le nostre lenticchie vengono lavorate nel cremonese ma coltivate in Puglia sperimentando la subirrigazione, un metodo che permette di risparmiare l’80% di acqua rispetto al normale. Sono ricche di proteine, fibre, vitamine, sali minerali e carboidrati ma con un basso contenuto glicemico. Come per quella di ceci, anche questa volta mescoliamo la farina di lenticchie rosse con il grano duro.
  • La farina di grani antichi: ultima grande novità è il grano antico che abbiamo scelto per i nostri paccheri. Si chiama “Senatore Cappelli” perché il genetista che lo ha inventato nel 1915, Nazareno Strampelli, lo ha dedicato proprio al Senatore della Repubblica Raffaele Cappelli. Si tratta di un grano duro biologico che può essere considerato il primo vero grano duro in Italia, antenato di tante varietà utilizzate oggi.

 

Buon appetito

Ora che sapete tutto e anche di più sul nuovo menù ve lo lasciamo sfogliare e vi aspettiamo per farvelo assaggiare tutto. Per portarvi avanti potete prenotare al volo con un messaggio Whatsapp a Casa Miscusi.
Siamo sicuri vi piacerà tanto ma fateci sapere quale sarà il vostro piatto preferito: siamo curiosi!

Ci vediamo da noi.